Promosso dagli ingegneri aquilani in collaborazione con il Centro Studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, il volume consente a Ordini professionale e Pubblica Amministrazione di progettare i propri siti web in maniera adeguata e fruibile al fine di agevolare i cittadini a reperire le giuste informazioni

Arriva dall’Aquila, quindi, la risposta per orientarsi nel web.

Fare un sito web può sembrare un’operazione semplice. Farlo seguendo i criteri  di design e tecnici e le normative nel caso di un ente o una pubblica amministrazione è un’altra cosa. Ci vogliono dei professionisti“. Ad affermarlo è Elio Masciovecchio, presidente dell’Ordine degli Ingegneri della provincia dell’Aquila, in occasione della conferenza stampa che si è tenuta oggi (26 maggio 2017, ndr) nel capoluogo abruzzese della presentazione – in anteprima nazionale – del quaderno del web designer.

Si tratta di una bussola per orientare gli enti pubblici a progettare i propri siti web in maniera adeguata e fruibile al fine di agevolare i cittadini a reperire informazioni e allo stesso tempo verificare lo stato di salute dei propri portali.

Il Quaderno del web designer è stato realizzato dall’Ordine degli Ingegneri della provincia dell’Aquila, su richiesta del Centro Studi del Consiglio Nazionale Ingegneri.

Il quaderno – hanno ribadito Bruno Lotorto e Maurizio Vicaretti, consiglieri del centro studi del CNI ha una funzionalità quotidiana, considerando che al suo interno è previsto un esempio vero e proprio di capitolato standard per l’affidamento della realizzazione del sito. Inoltre, la costruzione del sito deve rispondere a criteri precisi e puntuali.” Non contenuti tecnici, quindi, ma manageriali messi a disposizione di chiunque abbia una necessità nel mondo di internet.

Evitare che l’assenza di competenze specifiche diventi un freno allo sviluppo della comunicazione della PA sia verso l’interno che verso l’esterno – ha esordito Sante Achille, ingegnere aquilano che dal 1995 si occupa di ingegneria dell’informazione e curatore del Quaderno – è alla base di questa iniziativa“.