comunicazioni enti

comunicazioni enti

si comunicare che sul sito istituzionale ESE-CPT dell’Aquila sono stati pubblicati, nella sezione dedicata, dei files riguardanti materiale informativo relativo a comportamenti e indicazioni da seguire in merito all’emergenza Corona Virus COVID19.
Nello specifico si tratta di un Pieghevole Informativo, tre Segnali di cantiere in formato 50×70 cm ed un Vademecum.
Si sottolinea che tale documentazione è conforme agli accordi condivisi dalle parti sociali nazionali; si prega pertanto di renderla fruibile da parte dei lavoratori e del personale di cantiere. La documentazione potrà eventualmente essere aggiornata con le disposizioni normative e regolamentari che verranno emanate in materia di contenimento del virus COVID19.

mentre persiste la necessità di restare a casa per l’emergenza Covid-19, la Regione Abruzzo propone la consultazione del portale regionale interamente dedicato alla cultura abruzzese Portale Cultura<http://portalecultura.egov.regione.abruzzo.it/abruzzocultura/index.do>

L’attività online sarà potenziata e aggiornata quotidianamente per offrire una vetrina di contenuti e iniziative accessibili, per studenti, studiosi, appassionati, visitatori occasionali e curiosi.

Un viaggio alla scoperta di luoghi, tradizioni, opere d’arte, personaggi illustri e molto altro, per investire un po’ del proprio tempo nel conoscere meglio il patrimonio culturale abruzzese.

Di seguito si riporta l’informativa sul bonus di € 600,00 pubblicata da INARCASSA.

Informiamo gli iscritti che Inarcassa, in attesa della pubblicazione del Decreto attuativo del DL 18/2020 – che prevede l’indennità una tantum di 600 euro a favore dei liberi professionisti – renderà disponibile il modulo di domanda a partire dal 1° di aprile che l’iscritto potrà presentare esclusivamente nell’area riservata di Inarcassa On Line. Ciò al fine di facilitare la presentazione delle richieste qualora venissero confermati gli stringenti termini ad oggi resi noti.

Il Decreto – per quanto sinora anticipato – dispone che siano ammissibili le istanze presentate:

  • tra il 1° ed il 30 aprile 2020;

  • dai professionisti in regola con gli obblighi contributivi per l’anno 2019 e non titolari di pensione;

  • con reddito complessivo percepito nell’anno di imposta 2018 non superiore a 35.000 euro;

  • le domande potranno essere presentate anche da coloro che abbiano percepito nell’anno di imposta 2018 un reddito complessivo compreso tra 35.000 euro e 50.000 euro a condizione di aver chiuso la partita IVA dal 23 febbraio al 31 marzo 2020 o di aver subito una riduzione di almeno un terzo del reddito nel primo trimestre 2020 rispetto al primo trimetre 2019.

Secondo quanto annunciato dai Ministeri del Lavoro e dell’Economia, le indennità verranno erogate agli iscritti seguendo l’ordine cronologico di presentazione, all’esito della verifica del possesso dei requisiti.

Inarcassa avrà cura di non escludere alcun professionista avente diritto.

Ulteriori chiarimenti, utili alla miglior fruizione dell’agevolazione prevista dal Decreto, verranno forniti sul sito della Cassa ad avvenuta pubblicazione del testo definitivo, da parte dei ministeri competenti.”.

Nel merito il C.N.I., in sinergia con RPT e CUP, ha trasmesso al Senato il documento allegato contenente emendamenti al D. L. 17 marzo 2020, n. 18, per la conversione in Legge del decreto stesso.

– DECRETO Indennità per lavoratori autonomi e professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria a valere sul “Fondo per il reddito di ultima istanza”

Emendamenti al D. L. 17 marzo 2020, n. 18: “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19

L’U.S.R.A. e l’U.S.R.C. hanno attivato piattaforme e/o procedure per l’acquisizione telematica sia della documentazione progettuale che di quella in corso di esecuzione.

Tenuto che gli atti normativi relativi all’emergenza in corso hanno sospeso l’applicazione di scadenze e, quindi, delle relative penali per ogni attività sia in fase di progettazione che in fase di esecuzione, si invita, comunque, anche al fine di consentire ed incentivare le attività degli uffici preposti, a voler presentare, ove possibile, sia gli stati d’avanzamento lavori, che le integrazioni richieste per l’emissione dei contributi e le Schede Parametriche parte seconda.