La professione

Formazione Professionale Continua

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012 , n.137 – Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell’articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148

REGOLAMENTO FORMAZIONE CONTINUA

bollettino Ufficiale Ministero di Giustizia n.13 del 15 luglio 2013

Circolare CNI n.164-XIX Sess. del 19.12.2017

Le presenti Linee di Indirizzo per applicazione del “Regolamento per l’aggiornamento della competenza professionale”, adottato dal Consiglio Nazionale Ingegneri nella seduta del 21 giugno 2013 e pubblicato sul Bollettino Ufficiale del Ministero della Giustizia n. 13 del 15 luglio 2013 vincolano, in conformità alle previsioni del Regolamento e per il conseguimento delle relative finalità generali, i professionisti, come definiti all’art. 1, comma 1, del D.P.R. 7 agosto 2012, n. 137, gli Ordini territoriali, i rispettivi organi di autogoverno e i loro enti di diretta emanazione e ogni altro soggetto autorizzato dal CNI a erogare attività di formazione professionale continua nel settore dell’Ingegneria ai sensi dell’art. 7 del Regolamento. Esse sostituiscono, a far data dal 1° gennaio 2018, le linee guida e le circolari esplicative in precedenza emanate, mantenendo la stessa funzione riepilogativa della materia.

TESTO UNICO 2018 – Linee di indirizzo per l’aggiornamento delle competenze professionali


Modalità di calcolo dei CFP

Durante l’anno solare l’anagrafe nazionale dei crediti professionali registra tutte le partecipazioni a eventi formativi autorizzati al rilascio di CFP da parte degli iscritti, senza effettuare il conteggio totale dei CFP maturati sino a quella data. Il conteggio totale dei CFP maturati da ogni singolo professionista viene effettuato una sola volta per anno solare alla data del 31 dicembre. La soglia dei 120 CFP (art. 3, comma 6, Regolamento per l’aggiornamento della competenza professionale) è intesa come limite massimo di CFP che ogni iscritto può conseguire alla data del 31 dicembre di ogni anno. La verifica riguardo al superamento di tale limite massimo è, pertanto, effettuata in pari data, successivamente alla detrazione di 30 CFP di cui all’articolo 3, comma 7 del Regolamento.

L’algoritmo di calcolo è il seguente: CFP inizio nuovo anno = CFP inizio anno precedente – 15/30(*) CFP + CFP accumulati + CFP per esoneri concessi nell’anno.

(*) In caso di prima iscrizione durante l’anno solare verrà applicata la seguente regola:
a) iscrizioni dall’1 Gennaio al 30 Giugno: alla fine dell’anno saranno detratti 30 CFP
b) iscrizioni dall’1 Luglio al 31 Dicembre: alla fine del primo anno verranno detratti 15 CFP.

Esempio: CFP al 1/1/2017 = CFP al 1/1/2016 – 15/30(*) CFP + CFP accumulati nel 2016 + CFP per esoneri concessi nell’anno 2016. La data di assegnazione dei CFP coincide con la data di fine evento per gli eventi Frontali e con quella dell’esame finale per gli eventi erogati in modalità FAD.


gli iscritti possono verificano periodicamente il caricamento dei CFP conseguiti attraverso la propria pagina personale disponibile nel portale www.mying.it


ESONERI

Per tutte le tipologie di esonero le istanze devono essere presentate al proprio Ordine entro il 31 gennaio dell’anno solare successivo a quello di inizio periodo. In nessun caso potranno essere accettate istanze tardive.
L’esonero consente una riduzione dei CFP detratti a fine anno pari a 2,5 CFP per ogni mese intero riconosciuto, escluso il giorno di fine periodo (esempio: un esonero di 3 mesi che inizia il 10/01/16 terminerà il 09/04/16 incluso).
Non è possibile chiedere la revoca di un esonero già concesso.
Il professionista che partecipa ad attività formative svoltesi durante il proprio periodo di esonero (ad eccezione dell’esonero per malattia cronica/assistenza per malattia cronica), non potrà acquisire i CFP previsti dall’evento. La sua partecipazione all’evento formativo sarà comunque registrata nell’Anagrafe Nazionale dei crediti.
È possibile usufruire dei 15 CFP per l’aggiornamento informale conseguente all’attività lavorativa – professionale solo se tale attività è stata svolta per oltre 6 mesi nel corso dell’anno al netto di eventuali esoneri.
Nel caso di dati sensibili trasmessi dagli iscritti, sorge l’obbligo del rispetto della privacy ai sensi del D.Lgs. 196/2003 e s.m.i.


A BREVE SARANNO PUBBLICATI I MODELLI PER LE RICHIESTE DI ESONERO ED ACCREDITAMENTO CFP PER APPRENDIMENTO FORMALE